News
Selfie con Mussolini, guerra alla tubercolosi: filmati inediti alla Cineteca di Milano

Alcuni documenti visivi insoliti testimoniano un “Duce fuori Luce” cioè diverso da quello proposto nelle sequenze ufficiali di regime. Li presenta Antonio Scurati. 

È un Benito Mussolini insolito, quello ritratto da Luca Comerio in un filmato del marzo 1922, alcuni mesi prima della marcia su Roma. Non è il Duce impettito, enfatico, quasi divinizzato che si vede nelle successive immagini ufficiali dell’Istituto Luce. Qui, in occasione di un raduno a Milano per il terzo anniversario dei Fasci di Combattimento (fondati nella metropoli lombarda il 23 marzo 1919), Mussolini si fa riprendere in mezzo agli squadristi, come fanno i politici di oggi con i selfie. Consuma con loro un rapido pasto in piedi, indossando una camicia nera. Ostenta familiarità. Insomma, vuol manifestare ai militanti la sua appartenenza al movimento.

I documenti, che saranno disponibili in streaming sul sito cinetecamilano.it dal 17 giugno, sono in gran parte inediti. Li introducono due brevi interventi di Matteo Pavesi e dello scrittore Antonio Scurati, premio Strega con il romanzo storico M. Il figlio del secolo (Bompiani), riguardante appunto Mussolini dal 1919 al 1925. (Fonte Corriere.it)